Menù di navigazione per pagine

Quale verità per Pio XII?

GERUSALEMME – Comunicato: Lo Yad Vashem, il memoriale della Shoah a Gerusalemme, da domenica 1 luglio presenta un testo su Pio XII attenuato rispetto al precedente che accusava il pontefice di essere rimasto passivo di fronte alla sorte degli Ebrei durante la Shoah. Questo nuovo testo espone nei particolari il controverso dibattito circa il suo atteggiamento durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il nuovo testo conserva gli argomenti di critica verso Pio XII presenti in quello precedente, ma espone anche quelli dei suoi difensori.

Il Patriarcato Latino di Gerusalemme riconosce il desiderio di cercare la verità da parte dell’Istituto internazionale dello Yad Vashem per la ricerca sull’Olocausto. Saluta con favore la sua presa d’atto delle ricerche storiche di questi ultimi anni.  La revisione del testo tuttavia non è sufficiente.

Per il Patriarcato Latino di Gerusalemmeme, il fatto di attenuare la versione precedente dimostra che lo Yad Vashem avverte che non tutta la verità è stata detta. Dispiace che la figura di Pio XII sia stata così deturpata per tutto questo periodo senza che vengano presentate delle scuse.

Non è possibile accettare una mezza verità lacunosa. Deve essere dato il tempo di studiare i documenti degli archivi vaticani. Nel frattempo, non è possibile lasciar scrivere cose che non siano sicure.

Ogni giudizio è esposto al rischio del pregiudizio e non si deve cedere al ricatto:

–          quello di fare pressione sulla Santa Sede perché apra gli archivi nella loro interezza;

–          quello di impedire al Vaticano di beatificare Pio XII con una verità non intera.

Il Patriarcato desidera sottolineare come non sia certo che se Pio XII avesse parlato, avrebbe salvato un maggior numero di Ebrei. Ci sarebbero potute essere reazioni ancora più brutali contro gli Ebrei e contro coloro che cercavano di salvarli.

Così come Yad Vashem riconosce che molti cristiani salvarono migliaia di ebrei, resta da sapere se il Vaticano incoraggiò questo salvataggio. Probabilmente sì. Rimaniamo in attesa del risultato delle ricerche storiche. Un accusato resta innocente fino a prova contraria.