Pages Menu
Categories Menu

Pubblicato il 3 Ott 2014 in Ordine del Santo Sepolcro, Progetti, Progetti Ordine del Santo Sepolcro

Ripristino delle canoniche di Fuheis e di Naur in Giordania

Ripristino delle canoniche di Fuheis e di Naur in Giordania

Fuheistravaux-300x205

Nuovo impianto nella canonica di Fuheis

Fuheis-300x192GIORDANIA – Nel 2014, il Patriarcato latino, sostenuto dal Gran Magistero dell’Ordine del Santo Sepolcro, ha intrapreso il restauro di due canoniche in Giordania, nel cuore di due città dove c’è una vasta comunità cristiana, Fuheis e Naur.

Fuheis è una piccola cittadina a circa 20 miglia a nord ovest di Amman. Una città di 20.000 abitanti, di cui la maggior parte cristiani. Il presbiterio di Fuheis da 15 anni aveva la necessità di essere ripristinato, rendendo rischiosa la sicurezza della residenza del sacerdote. Gli impianti elettrici e meccanici della canonica erano stati danneggiati. Il progetto intrapreso dal Patriarcato, grazie al generoso sostegno dell’Ordine del Santo Sepolcro, ha permesso la completa riabilitazione della canonica: con l’isolamento e l’insonorizzazione, la delocalizzazione elettrica e meccanica, attraverso lavori strutturali e di falegnameria ma anche di superficie come il rifacimento della calce e della pittura, il rinnovamento della cucina, della sala da pranzo e dei sanitari.

Naourtravaux-300x196Anche a Naur la canonica non aveva goduto di lavori di manutenzione nel corso degli ultimi 20 anni. Ciò aveva portato ad un generale deterioramento, soprattutto in termini di isolamento e insonorizzazione. Sono stati allora operati dei lavori di impermeabilizzazione del tetto e tutto l’esterno è stato rifatto. Anche il convento delle suore di Naur è stato ristrutturato, e gli spazi esterni rinnovati. Naur, situato ad ovest di Amman, è la patria di 50.000 abitanti, molti dei quali cristiani e palestinesi fuggiti dal loro paese nel 1948 e nel 1967.

Fedele alla sua missione, il Patriarcato latino guarda alla comunità cristiana in Terra Santa, cercando di rendere sempre più adeguate risposte alle loro esigenze, dalle spirituali alle materiali. Una missione resa possibile grazie all’aiuto di tutti gli amici e gli amanti della Terra Santa che sostengono la Chiesa locale, in particolare attraverso il Gran Magistero dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro, tutte le Luogotenenze, i Luogotenenti, i Cavalieri e le Dame del Santo Sepolcro in tutto il mondo, le cui preghiere, il cui sostegno morale e gli aiuti finanziari sono ogni giorno più preziosi nel cuore del Medio Oriente così disturbato.

Myriam Ambroselli