Pages Menu
Categories Menu

Pubblicato il 6 Mag 2015 in Informarsi, Letture, Sante Mariam e Marie Alphonsine

Santa Mariam di Betlemme, il “piccolo nulla” di Gesù Crocifisso

Santa Mariam di Betlemme, il “piccolo nulla” di Gesù Crocifisso

RECENSIONE – Un’opera pubblicata dalle edizioni del Carmelo, nella collana ExistenCiel, sulla nuova santa palestinese. La antologia di studi, con prefazione del Patriarca latino di Gerusalemme, Sua Beatitudine Fouad Twal, offre una introduzione alla vita e all’opera della santa monaca carmelitana di Betlemme. Qui sotto la prefazione del Patriarca.

DSC_0009-193x300

Prefazione

 Non possiamo che adorare i disegni della Divina Provvidenza che mai abbandona i suoi figli nella loro “valle di lacrime”. Con san Paolo crediamo che Dio è “Padre misericordioso e Dio di ogni consolazione che ci consola in ogni nostra tribolazione” (2Cor 1,3-4). Egli non manca mai di modi per consolare e confermare i suoi figli nel suo amore e nel suo servizio.

Visitare la Terra Santa ha sempre rappresentato il desiderio profondo di tutti i cristiani del mondo. Qui essi camminano sui passi di Nostro Signore Gesù Cristo, vivono l’atmosfera della sua opera e del suo insegnamento e restano colpiti durevolmente dalle prove concrete del suo amore per l’umanità.

Purtroppo, il Medio Oriente in generale – e la Terra Santa in particolare che ha avuto il privilegio di accogliere il Figlio di Dio per attuare il piano divino della nostra redenzione – non ha cessato di attraversare, per non parlare che degli ultimi due secoli, uno sconvolgimento sociale e politico sempre più duro. Queste prove sono state causa di sofferenza e di dolore insopportabile per i suoi abitanti.

I nostri fedeli, che continuano a rendere presente la prima comunità cristiana di Gerusalemme, hanno dovuto lottare per sopravvivere con dignità su questa terra benedetta e si trovano spesso nel dilemma di scegliere tra la sofferenza nella sequela del loro Divin Maestro o l’emigrazione in terra straniera.

La Terra Santa ha conosciuto la guerra. La violenza, l’esilio ma tutto ciò non le ha impedito di essere un vivaio di santità; le generazioni cristiane sono sempre state assetate di esempi che le spingessero a seguire il Divin Salvatore. Ed ecco che oggi Dio si compiace di rianimarci e benedirci con la canonizzazione simultanea di due donne arabe autentiche che hanno onorato la nostra comunità cristiana del secolo scorso. Il Santo Padre Fancesco ha annunciato la sua decisione di canonizzare Suor Maria di Gesù Crocifisso, di Ibellin in Galilea, fondatrice del Carmelo di Betlemme e di Madre Alfonsina del Rosario, di Gerusalemme e fondatrice della Congregazione autoctona delle “Suore del Rosario di Gerusalemme”. La nostra lunga attesa è colma di consolazione per questo avvenimento eccezionale. Il che ci ispirerà tanto coraggio e la decisione ferma a proseguire il nostro cammino dietro il nostro Divino compatriota, Gesù Cristo.

Il Reverendo Padre Yves-Marie du Saint Sacrement ha gentilmente voluto informarci che le Edizioni del Carmelo a Tolosa pubblicano, col titolo « Mariam, le petit rien de Jésus Crucifié », una antologia di articoli già pubblicati nel 1999 per aiutarci a conoscere la spiritualità della nuova santa. Abbiamo letto il contenuto della raccolta e la raccomandiamo come adatta per introdurre il lettore nella profondità della spiritualità della santa.

Madre Maria Alfonsina ha sempre agito con silenzio e nascondimento. La piccola Carmelitana, invece e malgrado la sua scarsa cultura, è stata trascinata dallo Spirito del Signore in una attività instancabile in Francia, nelle Indie e in Palestina fino a morire a causa di un incidente nel cantiere di Betlemme. Entrambe le piccole Marie sono state introdotte alla santità dalla loro antenata “Maria di Nazareth”. Conoscere la spiritualità di queste due anime semplici aiuterà molte altre anime, anche fuori dal Carmelo o dal convento, a infiammarsi d’amore al servizio del Signore.

Col nostro ringraziamento e i nostri auguri per la spiritualità carmelitana e la nostra benedizione per i lettori.

Gerusalemme, 13 febbraio 2015.

 

Mons. Fouad Twal

Patriarca latino di Gerusalemme