Pages Menu
Categories Menu

Pubblicato il 2 Giu 2015 in Carità, Diocesi, Notizie della diocesi, Slide

Apertura della Maternità all’Ospedale “San Giuseppe” a Gerusalemme

Apertura della Maternità all’Ospedale “San Giuseppe” a Gerusalemme

GERUSALEMME – Il 27 maggio 2015, Suo Beatitudine il Patriarca latino di Gerusalemme, mons. Fouad Twal, ha presieduto una celebrazione durante la quale è stato ufficialmente aperto il Reparto di Maternità dell’Ospedale francese “San Giuseppe” di Gerusalemme.

Nel suo discorso il Patriarca latino di Gerusalemme ha invitato coloro che lavorano in questo reparto «a preservare e rispettare la vita… perché questa nuova sezione dell’ospedale possa essere un luogo di profonda esperienza umana e spirituale. Deve essere un nuovo nido abitato da sentimenti di pace, di gioia e di gratitudine verso Dio, non un luogo che promuove la cultura della morte e l’egoismo».

Hanno partecipato a questo evento diverse personalità tra cui il signor Saeb Erekat, in rappresentanza del Presidente palestinese Mahmoud Abbas, il Superiore Generale della Congregazione delle Suore di San Giuseppe dell’Apparizione, Jamil Coussa, il Direttore Generale dell’Ospedale “San Giuseppe”, e altri personaggi pubblici. «È molto importante, ha detto il Patriarca, che si guardi oltre le cure mediche o il parto nell’Unità della maternità, in quanto questi siti sono luoghi che rivelano la forza della vita, la grandezza e la bellezza della Creazione operata con molta cura da chi ne è il fautore, ossia Colui che è l’Amore stesso, l’Altissimo».

«Sono i luoghi da cui si eleva il primo grido di vita di un essere umano che per nove mesi cresce ad immagine di Dio nel grembo materno. In Maternità, i genitori contemplano il frutto dell’amore e della fedeltà che generano la vita. Essi sono anche luoghi in cui l’umanità dovrebbe vedere il suo futuro, vale a dire, la sua speranza. Il segno di questa speranza è il bambino fragile, appena nato, e quindi bisognoso della protezione e della cura di chi lo circonda», ha aggiunto mons. Twal.

Parlando dello stesso progetto, Sua Beatitudine ha aggiunto: «È dal 2004 che il Consiglio d’Amministrazione ha iniziato a riflettere sull’importanza del progetto tenendo conto delle esigenze reali che si presentano a Gerusalemme est. Poiché il numero di nascite è in aumento sempre più, e gli ospedali di maternità presenti nella città non sono sufficienti. Questo progetto fornirà anche un numero di posti di lavoro che darà da vivere a 150 famiglie di Gerusalemme, e le aiuterà a rimanere attaccate alla loro terra e alla loro città».

Il Patriarca ha concluso il suo intervento ringraziando tutti coloro che hanno contribuito a questo progetto, e in particolare il re Abdullah di Giordania, il principe del Qatar, gli Emirati Arabi, il Sultanato dell’Oman, l’Islamic Development Bank, l’Opera d’Oriente – Parigi, il Soccorso Cattolico -. Parigi, i Cavalieri del Santo Sepolcro e molti altri benefattori e donatori locali.

Ricordiamo che l’ospedale appartiene alle Suore della Congregazione di San Giuseppe dell’Apparizione, la prima congregazione cattolica femminile giunta a lavorare in Terra Santa nel XIX secolo. Fin dall’inizio, la loro missione ha servito il campo dell’educazione, dell’insegnamento e della carità in generale. La nuova Maternità dispone di 75 posti letto, un vero e proprio supporto per la città e i suoi dintorni.

Fonte: Abouna.org Arabo