Pages Menu
Categories Menu

Pubblicato il 29 Giu 2015 in Attualità locale, Politica e società, Slide

Il Mufti di Gerusalemme visita il santuario di Tabgha

Il Mufti di Gerusalemme visita il santuario di Tabgha

TABGHA – Il Mufti emerito di Gerusalemme, Sceicco Ekrimah Sabri, con alcuni membri del Consiglio Supremo Musulmano, ha reso una visita di solidarietà al Santuario di Tabgha, il 25 giugno 2015, dopo l’incendio criminale che ha colpito questo luogo santo e la comunità benedettina il 18 dello stesso mese.

 Il Mufti è stato accolto a Tabgha da mons. Marcuzzo, vicario patriarcale per Israele, e da padre Basilius Schiel, osb, priore della comunità benedettina. In simultanea è arrivato da Gerusalemme anche mons. Atallah Hanna, arcivescovo greco ortodosso titolare di Sebaste, originario di questa regione e partecipante abituale agli incontri interreligiosi. Ekrimah Sabri ha lasciato il suo incarico di Mufti nel 2006, ma resta una personalità influente nell’Islam palestinese. Il Mufti di Gerusalemme è la più alta autorità musulmana di Terra Santa, l’unico che può mettere le famose fatâwa (decreti) indiscutibili.

I membri della delegazione, visibilmente colpiti, hanno visitato gli edifici rovinati dall’incendio e sono stati invitati a sedersi per un momento di scambio all’interno della chiesa, in quanto il parlatorio e la reception sono stati completamente distrutti dalle fiamme. Tra le altre cose, si sono mostrati molto interessati agli antichi mosaici della Chiesa e all’episodio evangelico della moltiplicazione dei pani e dei pesci.

Il Mufti ha preso la parola per esprimere “la solidarietà fraterna” di tutti i musulmani del paese e per riconoscere l’importanza di restare, cristiani e musulmani, tutti molto uniti in queste circostanze. Con l’aiuto di qualche versetto del Corano e di qualche episodio storico (immancabile l’Accordo di Omar col patriarca Sofronio di Gerusalemme), ha insistito sulla coesistenza pacifica che ha caratterizzato le relazioni tra le due comunità, soprattutto in Palestina.

Il vescovo Marcuzzo e il priore hanno calorosamente ringraziato il Mufti e tutta la delegazione per questa visita di solidarietà, ancora più apprezzata per il fatto che si è svolta in pieno Ramadan e in una giornata calda.

Testo dal nostro corrispondente dalla Alta Galilea. Foto di A.K.

P1140492.JPGP1140509.JPGP1140514.JPGP1140517.JPGP1140526.JPGP1140531.JPGP1140532.JPGP1140535.JPGP1140537.JPG