Pages Menu
Categories Menu

Pubblicato il 22 Set 2015 in Attualità locale, Politica e società, Slide

“Israele dovrebbe indennizzare la Chiesa di Tabga”

“Israele dovrebbe indennizzare la Chiesa di Tabga”

 

GALILEA- Lo scorso 21 settembre 2015, il Procuratore generale israeliano ha dichiarato che Israele dovrebbe offrire un indennizzo al Monastero Benedettino di Tabga. La chiesa situata sulla riva nord del lago di Tiberiade fu incendiata l’ultimo 18 giugno da terroristi della estrema destra radicale in Israele.

Il 29 e 30 giugno seguenti, furono arrestati tre sospetti. A dire dello Shin Bet farebbero parte di “un gruppo di ideologia radicale, attivo dal 2013 e sospettato di atti anticristiani e di aggressioni contro civili palestinesi”. Una importante mobilitazione e moltissime testimonianze di solidarietà verso la comunità cristiana locale hanno preceduto gli arresti.

Il 27 agosto scorso, visitando il luogo dell’incendio, il Presidente di Israele, Reuven Rivlin, in risposta al Patriarca latino, mons. Twal, che manifestava le sue inquietudini per l’aumento degli atti di vandalismo anticristiani in Israele, aveva voluto ricordare che “Israele è un paese democratico, che garantisce la libertà di culto per tutti, nel quale le comunità cristiane devono poter fiorire in tutta sicurezza”.

Quest’appello del Procuratore generale arriva dopo il rifiuto della autorità finanziaria israeliana di offrire compensazioni per i danni causati da questo attacco terrorista.

Calixte des Lauriers