Pages Menu
Categories Menu

Pubblicato il 6 Mag 2016 in Diocesi, Notizie della diocesi, Slide

Auguri di Pasqua agli armeni: le Chiese fanno memoria del genocidio

Auguri di Pasqua agli armeni: le Chiese fanno memoria del genocidio

 

GERUSALEMME – Il 4 maggio 2016 vescovi e sacerdoti di diverse Chiese di Gerusalemme hanno visitato il Patriarcato armeno e hanno rivolto gli auguri di Pasqua al Patriarca e alla sua comunità.

La delegazione, guidata dal Patriarca latino di Gerusalemme, mons. Fouad Twal, ha visto i principali capi delle Chiese di Gerusalemme – accompagnati dai loro sacerdoti – incontrarsi e riunirsi sui divani della sontuosa sala di ricevimento del Patriarcato armeno. Anglicani, luterani, etiopi, copti, siriaci, melchita, cattolici, tutti insieme riuniti in un ambiente caloroso e fraterno per adempiere al consueto scambio di auguri che nei differenti vescovadi si scambiano durante le principali festività di Natale e Pasqua.

Il Patriarca latino ha avuto il privilegio di rivolgere un breve discorso a nome di tutte le Chiese, per augurare una Santa e Buona Pasqua a Sua Beatitudine mons. Manougian e alla comunità armena.

Nel suo discorso, mons. Fouad Twal ha evidenziato come «la gioia del Cristo risorto unisce tutti i cristiani». Una settimana dopo il primo centenario del genocidio armeno, il Patriarca latino ha assicurato le sue preghiere ai suoi «fratelli armeni» che si trovano difronte alla «terribile situazione di sofferenza, passata e presente, …sofferenza che hanno subito e ancora sopportano in alcuni paesi». Il Patriarca non ha mancato di fare esplicito riferimento al genocidio perpetrato dai turchi 101 anni fa: «Custodiamo la memoria degli eventi del genocidio e preghiamo che non potrà mai essere ignorato (…). Con nostra grande tristezza, abbiamo il dovere di non dimenticare mai, anche se molti altri dimenticano».

Prendendo la parola, il patriarca Manougian ha calorosamente ringraziato mons. Twal e i capi delle Chiese presenti. Ha sottolineato – a sua volta – che il mistero pasquale è il cuore della fede di tutti i cristiani. Evocando l’amicizia fraterna tra le Chiese, ha ricordato, non senza emozione, «il sostegno e l’aiuto», apportati dalla Chiesa latina e dal Vaticano durante il genocidio: «Gli armeni non potranno mai dimenticarlo».

Myriam Ambroselli
Foto: Auguri di Pasqua al Patriarcato armeno © LPJ / Thomas Charrière

DSC_0062.jpgDSC_0066.jpgDSC_0069.jpgDSC_0107.jpgDSC_0111.jpgDSC_0117.jpgDSC_0156.jpgDSC_0087.jpgDSC_0153.jpg